Dio – il Mistero più travolgente (II)

del professore di yoga Gregorian Bivolaru

 

Presenteremo, di seguito, quelle manifestazioni misteriose la cui apparizione evidenzia l’esistenza e la realtà profondamente misteriosa di Dio Padre. È molto importante considerare che in ognuna di queste manifestazioni misteriose, che menzioneremo nel prosieguo, Dio si manifesta per noi con diversi gradi di intensità, rivelandosi Egli in alcune di più, mentre in altre di meno.

Sarebbe però un’immensa sciocchezza disprezzare qualcuno di questi stati, che sia per noi facilmente accessibile, considerando che ci riveli ben poco su Dio. Molto o poco, Dio è necessario che rimanga dentro di noi, in permanenza, come l’obiettivo essenziale della nostra esistenza. Se Gli daremo il primo posto nella nostra esistenza, cercheremo assiduamente di scoprirLo, pieni di fervore per Dio, in qualsiasi Sua manifestazione, che per il momento ci è accessibile. Nella misura in cui progrediremo spiritualmente, diventeremo in grado di scoprire Dio anche in altre manifestazioni misteriose, che per il momento ci sono inaccessibili. È però fondamentale considerare che il maestro nella rivelazione e nella scoperta di Dio Padre lo fa l’esercizio, cioè la sperimentazione diretta delle Sue manifestazioni misteriose, che sono le seguenti:

  1. Lo stato ineffabile e misterioso di saggezza, che è l’espressione della manifestazione nel nostro universo interiore dell’intelligenza perfetta di Dio Padre.
  2. Lo stato misterioso, ineffabile, complesso che appare quando realizziamo le benedizioni o quando realizziamo le autobenedizioni.
  3. Lo stato ineffabile, misterioso che appare nel nostro essere quando meditiamo intensamente ed in modo profondo sulla Realtà Misteriosa di Dio Padre o su alcune Sue qualità o ipostasi, ad esempio, l’Amore di Dio, la Bontà di Dio, la Compassione di Dio, ecc..
  4. Lo stato intenso, profondo, ispiratore e complesso che appare nel nostro universo interiore quando realizziamo buone azioni, che facciamo noi stessi consacrando in precedenza i frutti (i benefici) di quel fatto o azione a Dio Padre, ad esempio, attraverso il Karma Yoga.
  5. Lo stato misterioso, ineffabile, intenso, profondo e travolgente che sperimentiamo quando ascoltiamo un certo genere di musica geniale, sublime, divinamente ispirata, essendo in uno stato di fortissimo raccoglimento ed interiorizzazione. Questo è valido anche per alcune melodie che generano un impatto misterioso, mistico nel nostro essere, innescando spontaneamente stati di comunione misteriosa con Dio Padre.
  6. Lo Stato misterioso, sublime, intenso, ineffabile e profondo che sperimentiamo quando entriamo in modo spontaneo nello stato di trance benefica.
  7. Lo stato mistico, misterioso, ineffabile, travolgente che appare spontaneamente nel nostro essere quando esiste nel nostro universo interiore la manifestazione dello Spirito Santo.
  8. Lo stato estatico, travolgente di orgasmo cosmico, che appare quando i due amanti si amano senza misura e fanno l’amore pieni di trasfigurazione, realizzando molto bene la continenza erotica amorosa e sublimando le energie risultanti ai piani superiori dell’essere. Simile stato straordinario può sopraggiungere anche all’unisono, e allora i due amanti lo vivono entrambi in uno stato di comunione empatica, euforica, estatica o, in altri casi, è possibile che un simile stato appaia, inizialmente, solo nella donna. Ulteriormente, quando la donna si abitua a questo stato eccezionale e riesce a viverlo in modo sempre più intenso e plenario, potrà poi indurlo facilmente anche nel suo amato, che inizierà a sentirlo in modo graduale. Procedendo in questo modo, i due amanti arriveranno a vivere questo stato eccezionale all’unisono, sperimentando quindi stati mistici, travolgenti in cui arriveranno a sentire Dio nel loro essere, in modo sempre più intenso e plenario.
  9. Lo stato travolgente di beatitudine mistica, che appare in modo spontaneo durante il gioco amoroso (con trasfigurazione e continenza erotica amorosa), quando uno dei due amanti o, in alcuni casi, un po’ più rari, entrambi, vivono stati di orgasmo con implosione, caratterizzati da un vissuto molto intenso ed ampio dello stato di orgasmo, che si estende per un periodo di tempo grandissimo, che può arrivare persino ad un’ora o di più. L’orgasmo con implosione appare spesso in modo spontaneo quando simultaneamente ha luogo il risveglio dell’energia Kundalini Shakti, grazie ad una trasmutazione massiccia del potenziale sostanziale procreatore, che si realizza all’unisono da parte dei due amanti. Un simile stato può apparire anche separatamente, solo per uno di loro, potendo dopodiché essere indotto all’altro amante. Spesso, lo stato di orgasmo con implosione si scatena prima nell’uomo e, poi l’uomo può indurlo facilmente anche alla sua amata. In questo modo, i due vivono lo stato perfetto di empatia paranormale, tanto che ciò che vive uno viene sentito totalmente anche dall’altro e viceversa.
  10. Lo stato mistico, profondo, travolgente, estatico di orgasmo senza scarica, che appare in modo spontaneo nella donna quando pratica molto bene la continenza erotica amorosa e sublima in modo armonioso le energie che risultano in questo modo. Simili stati di orgasmo che possono essere vissuti dalla donna sono molto più lunghi rispetto al solito e spesso si manifestano in serie, uno dopo l’altro. Questo fenomeno eccezionale, che una donna può vivere con grandissima facilità, è dovuto al dono totalmente speciale che lei ha di realizzare la trasmutazione del potenziale sostanziale procreatore, quando fa l’amore con un uomo continente, che la ama e che la trasfigura.

Vale la pena ricordare in questo senso che la grande maggioranza delle donne ha una disponibilità innata del tutto fuori dal comune, in confronto all’uomo, di poter vivere in modo intenso e profondo stati ampi e travolgenti di orgasmo. Durante simili vissuti, è unanimemente noto il fatto che, spesso, le donne hanno la tendenza ad orientare in modo spontaneo lo sguardo (con i globi oculari orientati spontaneamente in uno strabismo convergente) vero la zona superiore della testa, realizzando così un certo mudra. Questa abitudine ha permesso che si affermasse che la donna, durante la fusione amorosa (persino quando non sa niente della continenza amorosa), “alza gli occhi al cielo”. In simili stati mistici, estatici, le donne vivono con moltissima facilità esperienze travolgenti, ed alcune di loro sentono la presenza misteriosa e piena d’amore di Dio Padre, che le abbraccia in quei momenti privilegiati e le fa espandere, piene di felicità, dilatandosi dal finito verso l’infinito.

Questo dono del tutto eccezionale della donna, di sperimentare uno stato mistico quando raggiunge uno stato intenso, ampio e profondo di orgasmo, è conosciuto da migliaia di anni. In questo senso, è ugualmente degno di nota come la maggioranza delle donne ne sia in un certo modo dotata in modo innato, tanto da potere entrare e mantenersi per un periodo molto lungo di tempo in uno stato di orgasmo, senza confrontarsi affatto con il pericolo di perdere. In simili stati, una donna può vivere momenti di 5-7 minuti in stati successivi di orgasmo, senza confrontarsi affatto con la possibilità di perdere. Questo dono, che è del tutto eccezionale in confronto con le possibilità dell’uomo, è stato visto con ammirazione da parte degli iniziati tantrici, che hanno cercato di identificarsi empaticamente con la donna, per riuscire così a risvegliare gradualmente nel loro essere questa capacità eccezionale di vivere l’orgasmo quando esiste una trasmutazione perfetta del potenziale sostanziale procreatore in energia.

  1. Lo stato mistico ineffabile, intenso, travolgente e profondo di estasi amorosa che può sopraggiungere in modo spontaneo al di fuori dello stato di orgasmo dei due amanti. Tale stato si può scatenare durante il gioco erotico con continenza erotica amorosa e trasfigurazione basato sull’amore. In una simile esperienza mistica, travolgente, i due amanti scoprono, prima di tutto, con meraviglia ed incanto, che Dio è amore. Constatano, ancora, che nell’intera manifestazione predomina lo stato di felicità, di estasi, che riempie l’intero Macrocosmo. Simili stati sono facilmente accessibili, specialmente quando i due amanti praticano in modo perfetto la continenza erotica amorosa, ed il loro dono reciproco e l’amore sono sconfinati.
  2. Lo stato ineffabile, misterioso, profondo e travolgente che sopraggiunge nell’essere umano che sperimenta un vissuto mistico travolgente.
  3. Lo stato ineffabile, profondo, spontaneo e travolgente di estasi divina che sopravviene a seguito di alcune esperienze semplici e pure che generano tali stati e che li fanno intensificare. Ad esempio, un simile stato può sopraggiungere in modo spontaneo quando ci troviamo in mezzo alla natura e contempliamo, pieni di immenso incanto, la sua bellezza.
  4. Lo stato sublime, profondo, misterioso, travolgente che appare quando coloro che praticano in modo corrispondente le tappe superiori del sistema yoga entrano in certi stati di coscienza superiore, di estasi divina (samadhi).
  5. Gli stati profondi, intensi, misteriosi e travolgenti di samyama (l’identificazione yogica perfetta, in cui l’oggetto o l’aspetto che è conosciuto, la conoscenza che ne risulta ed il conoscitore diventano un tutto armonioso, misterioso ed ineffabile) nell’ambito dei quali ci focalizziamo fermamente su alcune manifestazioni ed ipostasi di Dio Padre.
  6. Lo stato mistico, misterioso e travolgente che viene scatenato nel nostro essere dal vissuto diretto ed ineffabile dell’esperienza dell’Eternità. L’apparizione di questo stato nel nostro proprio universo interiore precede spesso l’inizio della rivelazione del Sé Supremo Immortale (Atman).
  7. Gli stati misteriosi, spiritualmente elevati, travolgenti, sublimi, mistici che sopraggiungono come un preambolo che anticipa la rivelazione del Sé Immortale Supremo (Atman).
  8. Gli stati divini, intensi, profondi, travolgenti, ineffabili, che appaiono più spesso nel nostro essere dopo che ha avuto luogo (che si è prodotta) veramente la rivelazione del Sé Supremo Immortale (Atman).
  9. Gli stati mistici, sublimi, misteriosi, intensi, travolgenti, che vengono innescati nel nostro essere da alcune piante segrete, conosciute da grandi saggi ed iniziati. Queste piante sono destinate a sviluppare in modo ineffabile nel nostro universo interiore sia l’esistenza, che anche alcune manifestazioni di Dio Padre.
  10. Gli stati divini, ineffabili, sublimi, specifici che vengono generati nel nostro essere dalla manifestazione intensa e plenaria delle virtù fondamentali. Ecco qualche esempio di simili virtù: compassione, saggezza, amore, bontà, fede incrollabile in Dio.

Estratto dall’opera Guru-logia, 550 aforismi del professore di yoga Gregorian Bivolaru

    Dio – il Mistero più travolgente (II)